Con questo post voglio spiegarti l’importanza del corretto posizionamento online.

Come ho già accennato precedentemente, se hai un’attività fisica, magari già ben avviata, e la vuoi espandere su internet per ottenere più clienti, non puoi prescindere da una altrettanto ottima presenza online.

Perché posizionarmi?

Posizionarti vuol dire occupare uno spazio all’interno della mente del tuo potenziale cliente, lo scopo di tale attività è quello di differenziare il tuo prodotto/servizio il più possibile da quello dei tuoi concorrenti, affinché occupi una posizione ben chiara nella sua mente.

STEP 1

Qualsiasi sia la tua attività: un ristorante, un hotel, un dentista, qualsiasi attività professionale, la prima cosa da fare è partire da te, e non dalla concorrenza, e cercare di capire idealmente chi vuoi essere tu nel mercato, come vuoi essere riconosciuto là fuori.

Ma io come riesco a capire come posizionarmi, a me piacerebbe aiutare tutti. Sbagliato 

Prima di guardare agli altri, guarda all’interno della tua attività e chiediti:

Trovare risposte a queste domande non è per nulla facile, però ti permettono di definire, quantomeno, in quale fetta del mercato andrai a lavorare.

Fatto ciò il processo di posizionamento è solo all’inizio, pertanto dovrai affrontare altri step cruciali per definirlo adeguatamente, pensando e rispondendo ad un’altra serie di quesiti.

Innanzitutto devi riuscire a identificare tutti i punti di forza relativi al tuo business, andando a definire come il tuo prodotto può aiutare i tuoi clienti attuali e futuri, che problema risolve, e soprattutto a chi, perché hai il prodotto migliore e dovrebbero scegliere te o il tuo competitor che ha appena aperto di fianco a te.

Fatto ciò devi analizzare i tuoi punti deboli, e questo processo potrebbe rivelarsi poco divertente, ma è fondamentale perché attraverso ciò puoi capire le tue lacune o criticità a cui non avevi ancora prestato attenzione. In questo processo devi usare tanti NON: che problema non risolve, per chi non è il mio prodotto o chi sono i clienti che non voglio aiutare, i miei competitor cosa stanno facendo meglio di me e perché…

Un’analisi di se stessi così profonda non è per niente divertente vero? 

STEP 2

Una volta che hai capito chi sei e cosa fai, il passo successivo è analizzare il settore in cui operi, i concorrenti, cosa fanno gli altri sul mercato.

Per mercato di riferimento s’intende l’universo al quale rivolge la propria offerta un’azienda. Questo è il processo finale, dopo aver effettuato ricerche di mercato, segmentazione e aver individuato il target a cui si rivolge l’offerta – Wikipedia

In termini pratici devi scegliere, se non l’ha già fatto, in che direzione rivolgere la tua attenzione e sforzi economici e di energie. Sei nel settore della ristorazione?  Qual è il segmento che servi? Ristorante specializzato in cene di lusso, oppure fast food, più specificatamente  vegetariano, oppure pranzo per operai, ecc… Più il focus è specifico più sarà facile entrare nella testa dei tuoi potenziali clienti

Ora che hai una buona visione di te e della tua attività dovresti concentrarti sul tuo pubblico

Se hai qualche anno di esperienza nel tuo lavoro sicuramente avrai già un’idea di quali sono i problemi principali che i tuoi clienti hanno, e perché si rivolgono a te e non a loro “cuggino”, che urgenza hanno quando ti chiamano e soprattutto quali sono le conseguenze se non risolvono il loro disagio. 

E ancora: hai mai provato a chiedere loro perché si sono rivolti a te e non ad un altro? (tralasciando le amicizie di vecchia data), di cosa ne pensano del tuo principale “collega”? Se fa dei prezzi diversi da te oppure offre un qualcosa a cui non avevi ancora pensato?

STEP 3

Trova l’aspetto differenziante, identifica la tua isola e conquistala

L’ultimo passaggio consiste nell’aggredire il segmento che hai identificato con tutti i tuoi sforzi!

Ogni categoria ha un leader

Il potenziale cliente non pensa ad un determinato prodotto/servizio quando ha una necessità, bensì alla categoria di quest’ultima. Essere la prima opzione nella mente del cliente significa diventare leader.

Ho voglia di un’energy drink, cosa mi offri?

Un esempio molto semplice è la ristorazione: in una zona con diversi ristoranti sono sicuro che ogni tipo di cliente potenziale appartiene ad una sola categoria. La persona con più disponibilità economiche preferirà andare nel ristorante gestito da uno chef stellato, chi vuole fare colpo al primo appuntamento la prima scelta nella sua mente sarà il ristornate romantico con terrazza vista mare, o ancora lo studente che pensa subito a McDonald’s, e così via…Capisci che tutti loro hanno una scelta e di solito la mente può accettare due opzioni, quindi tu hai l’obbligo di essere una delle prime due opzioni per il cliente.

Spero vivamente che questi consigli ti abbiano aiutato a a risolvere qualche dubbio, qualora avessi bisogno di un aiuto puoi contattarmi qui.

A presto!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo: